Approvata la Direttiva sul Giusto Processo Penale Minorile

La direttiva 2013/0408 (COD) dal titolo“Criminal proceedings: procedural safeguards for children suspected or accused” sulle garanzie procedurali per la tutela dei minori indagati o imputati in processi penali nei 28 Stati europei, approvata in Seduta Plenaria il 9.03.2016, ha già ottenuto il consenso dal Consiglio dei ministri dell’Unione europea.
Si tratta di una svolta fondamentale per la tutela dei minori indagati o accusati di reato sul territorio europeo.
Il testo è un catalogo di diritti e garanzie minime – afferma la relatrice ed eurodeputata di S&D Caterina Chinnici – che colma le attuali distanze tra gli ordinamenti nazionali e delinea, almeno nei tratti essenziali, un modello europeo condiviso di giusto processo minorile in cui possa realizzarsi l’equilibrio tra l’esigenza di accertare i fatti di reato, con le relative responsabilità, e quella di tenere nella dovuta considerazione le vulnerabilità e gli specifici bisogni dei minori.
Tra le diverse garanzie riconosciute a tutela dei minori, è previsto il diritto irrinunciabile a essere assistiti da un avvocato difensore, nonché:
• il diritto a essere accompagnato dal titolare della responsabilità genitoriale o da un altro adulto idoneo durante le udienze in tribunale e in altre fasi del procedimento, come gli interrogatori di polizia;
• il diritto alla tutela della privacy durante il procedimento penale;
• la detenzione separata dei minori dagli adulti;
• la formazione specifica per giudici, pubblici ministeri e tutti i professionisti coinvolti nell’amministrazione della giustizia minorile.
Dalla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, gli Stati membri avranno tre anni di tempo per recepire la Direttiva nella loro legislazione nazionale.

Condividi