La Cassazione sul diritto di difesa nelle procedure di adottabilità

Con la sentenza n. 15457 del 2014 la Corte di Cassazione interviene sul diritto di difesa nelle procedure di adottabilità che abbiano riguardo a parti provenienti da culture diverse dalla nostra.

In particolare, la Suprema Corte rileva come l’assenza del mediatore culturale in tali situazioni non garantisca l’effettività del diritto di difesa delle parti che non si sostanzia nella comprensione della nostra lingua (a mezzo di un traduttore) ma anche nel riconoscimento e nella considerazione da parte del Giudice dei diversi modelli culturali nei quali si fondano i ruoli e le condotte familiari.

Potete trovare l’interessante sentenza qui sotto così come un breve commento.

 

 

 

 

Condividi